Un popolo che distrugge il proprio territorio è un popolo senza futuro

In questo periodo, dopo l’emendamento ammazzaparchi, stiamo constatando che il cosiddetto “modello lombardo” continua a minacciare la qualità della vita dei cittadini; tra le sue varie implicazioni, c’è infatti quella di prevedere la svendita del territorio per permettere operazioni in project financing (es. Pedemontana, grandi infrastrutture ecc.). 

E’ assolutamente importante far prendere coscienza ai cittadini dei meccanismi più  meno nascosti che portano alla distruzione del territorio. Il progetto di legge sulle grandi infrastrutture approvato dalla Giunta regionale lombarda il 3 aprile 2007, che non a caso dovrebbe tornare in aula dopo le elezioni,  è un esempio assai significativo di come la regione si comporta. 

In pratica con l’art. 10 di questa proposta di legge si permette ai finanziatori di grandi infrastrutture di recuperare più velocemente gli investimenti grazie a nuove edificazioni (centri commerciali ecc.), nei dintorni delle opere finanziate.

In questo modo i cittadini si troveranno invasi non solo dalla cementificazione dovuta alle grandi infrastrutture, ma anche da quella legata alle “ricompense” per gli investitori.  

Per vedere l’art. 10 ed il commento esplicativo contenuto nel progetto di legge vai a questo indirizzo: http://www.officina-online.com/customer/rondine/TestodelPdL226concommentoufficiale.pdf  (a pagina 7 del documento PDF il commento). 

Non siamo contrari agli investimenti per partito preso: siamo sicuramente contrari a investimenti che di fatto sono irrazionali e sprecano preziose risorse che potrebbero essere meglio impiegate. 

In altre parole ci sembra folle spendere soldi pubblici per fare autostrade quando il petrolio sta per finire e quando  inoltre la riduzione delle emissioni dovrebbe essere un obiettivo primario. Ci sembra folle spendere cifre assurde per l’EXPO quando con minori investimenti potremmo fare colossali opere per la riqualificazione energetica degli edifici cosa che porterebbe anche immediati vantaggi sia per gli utenti che per la bilancia dei pagamenti dell’Italia.. 

Forse la spiegazione sta nel fatto che con le grandi opere si possono seguire iter speciali che spesso bypassano le normali procedure (commissari straordinari ecc.)  e richiedono grandi investitori, mentre con gli interventi ad esempio per il risparmio energetico i progetti sono decisamente più frammentati e passibili di controllo democratico. 

Invitiamo caldamente a far circolare questa petizione. Grazie.

Rete Lilliput
Associazione parchi del vimercatese
Comitato No Expo
Ass. La Rondine-Oltrepo Pavese
Amici di Beppe Grillo di Pavia
Italia Nostra – Sezione di Pavia
Sindaco di Cassinetta di Lugagnano
Coordinamento Nord Sud del Mondo
Comitato beni comuni zona 8
Amici di Beppe Grillo di Milano – Associazione GAM
Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardi

per andare andare alla petizione —> http://www.officina-online.com/customer/rondine/2_booking.php

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...